Sei qui: Home  >  In viaggio   >   Cipriani, Venezia
TORNA INDIETRO

Cipriani, Venezia

pubblicato il 23/08/17 in In viaggio

0 commento

Cipriani 4Cipriani, Venezia

Al Cipriani mi sembrava di vivere nella bambagia. Il servizio era impeccabile, all’insegna della raffinatezza e della discrezione, come se un mago invisibile coordinasse il tutto con la sua bacchetta magica.

L’indomani mattina mi preparai alla partenza. Feci i bagagli e poco prima dell’alba uscii sul balcone. Tutta la notte l’avevo trascorsa in attesa di un segno, di un messaggio capace di indirizzarmi verso la decisione da prendere. Anche se non era arrivato nulla, continuavo ad attendere, serafica. Scrutai l’orizzonte coperto dalla foschia e il Lido, simile a una striscia sottile e grigiastra, stagliata contro il disco dorato del sole. Continuai a scrutare nella speranza di veder giungere qualcosa.

Cipriani 5

 

 

 

 

 

 

 

Fu allora che al centro del sole scorsi una macchiolina scura che diventava sempre più grande assumendo infine la forma di un uccello. Mentre si avvicinava verso di me, si allontanò dal disco solare mettendo in mostra il piumaggio candido e allora mi resi conto che si trattava del mio gabbiano. Continuai a guardarlo e dissi in cuor mio: se si poserà sul paloa righe bianche e nere di Cipriani, questo sarà il segno che attendo.

Non so se la nostra vita sia determinata dal volo degli uccelli. Gli antichi credevano che fosse così. Comunque in quel momento decisi di crederci e di giocarmi il tutto per tutto.

Se il gabbiano mi fosse passato davanti e fosse volato via, anch’io sarei volata via da Venezia.

Se invece si fosse posato sul palo, avrei dato inizio a un nuovo capitolo della mia vita qui.

Il gabbiano si avvicinava volando a tutta velocità, mi volò davanti e… andò a posarsi sul palo! Accadde tutto in modo naturale. Poi volse il capo verso di me, come se volesse la conferma che era atterrato nel posto giusto, e io gli feci l’occhiolino. In seguito rientrai in camera e avvisai la reception.

Cipriani 6«Che splendida giornata», dissi.

«Βellissima, signora», fu la risposta.

«Siccome ho delle cose da fare, ho deciso di trattenermi ancora qualche giorno».

«Come desidera», fu la risposta meccanica della receptionist.

Sorrisi e riagganciai la cornetta facendo un ultimo pensiero: per alcuni Venezia è un amore a prima vista. Ad altri invece occorre tempo per innamorarsene. A me invece accadde quanto scrive il poeta John Addington Symonds: “Quando ci si trova a Venezia si ha la sensazione di vivere in un sogno. E quando si sogna Venezia, si ha la sensazione di essere svegli.” Un brano dal libro: La mia Venezia

Il libro La mia Venezia, illustrato con fotografie a colori, è disponibile su:

Small La+mia+Venezia3Amazon Kindle: http://www.amazon.it/dp/B00MI7OP72

Kobo Books: http://store.kobobooks.com/books/la-mia-venezia

Google Play Books: https://play.google.com/store/books/details?id=QaamBQAAQBAJ

Apple iBooks: https://itunes.apple.com/it/book/la-mia-venezia/id956920115?ls=1&mt=11

YouTube Book Trailer La mia Veneziahttp://youtu.be/vsXT9aluhfk

 

 

 

 

nessuno ha commentato ancora

Login per inviare un commento Login here.

Puoi inserire commenti solo dopo aver effettuato il login



Grazie per il tuo commento

Il tuo commento è stato presentato ed è ora in attesa di conferma