Sei qui: Home  >  In viaggio   >   Damasco, Siria
TORNA INDIETRO

Damasco, Siria

pubblicato il 01/05/18 in In viaggio

0 commento

Damascus 11 3        La rosa del deserto

... Fuad lasciò l'albergo Cham Palace a Damasco e salì in macchina per andare a casa della fmaiglia al-Attar. Il sole stava tramontando in quel momento. Le luci si erano accese da poco lungo i viali pieni di fraffico, ma niente ricordava l'atmosfera idilliaca posseduta un tempo da questa antica città, costruita nell'oasi di Ghuta, rinomata per i suoi orti, le rose, i melograni, i suk pittoreschi, le locande e il fiume Barada che scorreva dal Monte Hermon, il ramo meridionale della catena dell'Anti-Libano.

Damascus 1 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E come, secondo un viaggiatore del secolo scorso, il velo nero copriva la bellezza delle donne, nello stesso modo anche la città nascondeva gelosamente all'occhio del periegeta casuale il suo gioiello: il bell'interno delle case, entrando nelle quali si aveva l'impressione di trovarsi nelle Mille e una notte.

Damascus 5 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Fuad Damasco ricordava il Cairo, dove viveva, anche se era più piccola e possedeva monumenti meno imponenti, ma altrettanto validi dal punto di vista artistico. La società manteneva i suoi tradizioni con lo stesso amore con cui proteggeva la magia dei cortili pieni di limoni, profumati di gelsomino, con i canarini che cantavano nelle gabbie e l'immancabile Liwan, dove le famiglie si riunivano nelle notti d'estate.

Damascus 8 3Naturalmente stiamo parlando del centro storico, racchiuso nelle mura medievali con le sette porte (Bab) e la Grande Moschea degli Omayyadi. Fu quello che videro i viaggiatori europei dalla collina di Salihiyah nel secolo scorso, che brillava tutta bianca sull'oasi verde mentre tutt'intorno si estendeva il deserto. Così la vide anche Maometto, e dicono che ci sia passato senza entrare in città, perché, abbagliato dalla sua bellezza, osservò che nel Paradiso si entra una volta sola. Quanto ai cammellieri che giungevano dalle profondità del deserto arabo, la città sembrava loro un porto paradisiaco, rigoglioso di palme, acque gorgoglianti, aranci, melograni e pesche succose.

Carica di oriente e storia, Damasco foirì con ogni dinastia resistendo nei secoli ai terremoti, agli incedi, alle inondazioni, e ai saccheggi, con le case che venivano ricostruite più belle di prima.


Già prima del Mandato Francese le vecchie famiglie nobili l'avevano abbandonata per costruire ville moderne fuori dalle mura. La casa degli al-Attar era stata collocata nel quartiere di Salihijah, che un tempo era un sobborgo di Damasco, quando il nonno al-Attar, dopo essere ritornato da Parigi dove aveva studiato, decise di lasciare il Bait di famiglia nei pressi del suk degli orafi. Gli al-Attar era un'antica famiglia fiorita economicamente nel Medievo grazie al commercio dei cavalli purosangue, di cui avevano il monopolio in Medio Oriente.Damascus 3 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...Si, Nandia era siriana. Sebbene fosse giovane quando era partita per andare a studiare a Parigi, come suo nonno, Damasco lei la portava sempre nel suo cuore. Le mancava più di ogni altra cosa. Le mancava la sua atmosfera vecchio stile, le vecchie Peugeot, le Citroen e le Chevrolet, le mancavano i rumori familiari, la vocce solenne del muezzin che chiamava i fedeli alla preghiera. E se nel quartiere dove abitavano i suoi genitori, non vedeva come nelle vecchie strade della città i carri che vendevano rose dentro barattoli di latta e l'olio distribuito mediante cavalli ornati di perline e piume colorate, Fuad e i suoi figli spesso l'ascoltavano dire con tenerezza: "Nella pozza d'acqua che si forma sotto la fontana del nostro cortile si riflette persino la luna"... 

Damascus 7 2

 

Un estratto del mio romanzo La signora agli occhi azzuri scritto nel 2011 (inedito)

*Con grande amore per Damasco

I cortili e gli interni delle vecchie case di Damasco (Bait) sono fotografati da Tim Beddow pubblicati nel libro: Damascus: Hidden Treasures of the Old City, edizioni Thames & Hudson.

Travel Memories ITALIAN small18

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli e-book, illustrati con fotografie a colori, sono disponibili su: 

Amazon Kindle collection: 
http://www.amazon.com/Barbara-Athanassiadis/e/B00FJ52YIM 

Kobo eBooks collection: 
http://store.kobobooks.com/Search?Query=barbara+athanassiadis

Google Play eBooks collection:
http://play.google.com/store/search?q=barbara%20athanassiadis&c=books

Apple iBooks collection:  
https://itunes.apple.com/us/author/barbara-athanassiadis/id955670302?mt=11

YouTube I miei viaggi nel mondo: https://www.youtube.com/playlist?list=PLrbC-aJ-0WKuwF4F-d-U2P6-m3dbKdkcz

 

nessuno ha commentato ancora

Login per inviare un commento Login here.

Puoi inserire commenti solo dopo aver effettuato il login



Grazie per il tuo commento

Il tuo commento è stato presentato ed è ora in attesa di conferma