Sei qui: Home  >  Press   >   Sulle tracce dei Borghese, Roma
TORNA INDIETRO

Sulle tracce dei Borghese, Roma

pubblicato il 21/07/17 in Press

0 commento

Paolina Borghese by Canova3

 Sulle tracce dei Borghese, Roma

 Paolina Bonaparte

...Isabella mi raccontava tutto questo mentre ci tro­va­va­mo a Villa Borghese, davanti alla celebre scultura che ritrae appunto Paolina in foggia di Venere Vincitrice, semisdra­i­a­ta su un tri­clinio, con la testa graziosa appoggiata su una mano e il pomo donatole da Paride nell’altra. Si tratta di un’opera di Antonio Canova, lo scultore più celebre del­l’Ottocento, il quale le aveva proposto di farsi ritrarre in guisa di Diana Cacciatrice, dea della purezza.

Pauline Bonaparte princesse Borghese2D’altro canto Paolina, che non aveva pre­giudizi, insistette per farsi im­mortalare come dea dell’amore, tanto più che era nata di venerdì, che è appunto il giorno de­di­cato a Venere. Se­con­do l’accordo ufficiale, avrebbe posato soltanto per un ri­tratto, solo che davanti alla bellezza statuaria della donna, l’artista perse la testa e scolpì anche il resto del corpo in una posa talmente languida che ancora oggi questa scultura è considerata uno dei capolavori della collezione Bor­ghese.

Peraltro, benché a quei tempi il nudo nella scultura fos­se di moda, la posa della principessa fu considerata decisa­men­te audace. Quan­ti si recavano in vista al palazzo del principe Camillo re­sta­vano sorpresi e sgomenti di fronte alla statua della padrona di casa collocata nel vestibolo. L’unica che non provasse alcun imbarazzo era proprio lei, Paolina. Una volta una dama le domandò come fosse riuscita a posare nuda da­vanti all’artista e la risposta disarmante fu:

“Non faceva freddo, l’atelier era riscaldato da una stufa!”.

Mentre l’ammiravo, mi domandavo che cosa provasse quando giunse a Roma nel 1804, con tanto di lettera del primo console: “Riservate la massima cortesia possibile nei confronti delle signore e dei congiunti di vostro marito. È cosa che esi­giamo da voi più che da chiunque altro. Ma so­prattutto, cer­ca­te di adattarvi alle usanze della città, non mostratevi in nessun caso sdegnosa e non dite mai che a Parigi era tutto migliore. Gli unici che non dovrete mai ac­cogliere nel vostro salotto so­no gli inglesi, che continuano a farci la guerra… Vi saluta il vostro diletto fratello.

villa borghese home2Paolina seguì i consigli del fratello e, grazie al suo fa­sci­no, a Roma soggiogò tutti, ma proprio tutti, dai membri della sua nuo­va famiglia fino al papa, che la tenne sotto la sua ala pro­tettriceanche quando i Bonaparte caddero in di­sgrazia. Quan­do andava a passeggio con la portantina tem­pe­stata d’oro, in compagnia di un servo di colore ab­bi­glia­to alla maniera turca che sedeva dietro di lei, la gente si fer­mava a guardarla: per il popolino infatti si trattava di uno spettacolo imperdibile... Un estratto dal libro Passeggiate romane

Nelle immagini: La statua di Paolina Bonaparte nella Galleria Borghese, Roma

               Il ritratto di Paolina Bonaparte, principessa Borghese

               Villa Borghese a Roma

Il libro Passeggiate romane, illustrato con fotografie a colori, è disponibible su:

Italian Rome small7Amazon Kindle: http://www.amazon.it/dp/B00GTB3H5E

Kobo Books: http://store.kobobooks.com/books/passeggiate-romane

Google Play Books: https://play.google.com/store/books/details?id=GRjmBQAAQBAJ

Apple iBooks: https://itunes.apple.com/it/book/passeggiate-romane/id957055241?mt=11

YouTube Book Trailer Passeggiate romane: http://youtu.be/tbVJRvIfqOI

 

nessuno ha commentato ancora

Login per inviare un commento Login here.

Puoi inserire commenti solo dopo aver effettuato il login



Grazie per il tuo commento

Il tuo commento è stato presentato ed è ora in attesa di conferma